HomeGiochi da tavoloThe Island Recensione

The Island Recensione

I più letti

Questo articolo è stato archiviato. Ci scusiamo per eventuali inesattezze o elementi multimediali mancanti

The Island è la riedizione di un gioco del 1982 ideato da Julian Courtland-Smith. È stato rilanciato con nuova grafica da Asmodee nel 2012 ed edito in italiano, anche se indipendente dalla lingua, da Asterion Press.

Come suggerisce lo stesso nome, la partita si svolge su un’isola che sta per affondare (in alcune versioni si tratta di Atlantide, ma poco importa ai fini del gioco). Ogni giocatore dovrà portare in salvo una serie di esploratori/abitanti attraversando un breve tratto di mare aperto per raggiungere le coste sicure.

Giocatori: da 2 a 4

Durata: 60 minuti

Età consigliata: dagli 8 anni in su

Prezzo: 39,90€ ma facilmente reperibile con sconti su diversi negozi online

COMPONENTI

Una volta aperta la scatola troviamo un tabellone suddiviso in caselle esagonali, rappresentante il mare aperto e 4 coste sicure ai 4 angoli. Ad esso si aggiungono 40 esagoni in cartone a doppia faccia e di diversi spessori a seconda del tipo di terreno raffigurato (spiaggia, foresta o montagna); sull’altra faccia è rappresentato un effetto di gioco. Ci sono quindi 40 pedine esploratore, 10 per ogni giocatore e con un numero da 1 a 6 stampato nella parte inferiore. Completano i componenti un dado creatura marina, 12 pedine barca, 5 pedine creatura marina, 6 pedine squalo e 5 pedine balena.

margin: auto;

float: left;

margin-top: 10px;

text-align: center;

width: 33%;

border: 2px solid #cfcfcf;

margin-left: 0;

/* see gallery_shortcode() in wp-includes/media.php */

IL GIOCO IN BREVE

Anche in questo caso, essendo un titolo Asterion Press, il regolamento è disponibile gratuitamente online (http://site.asterionpress.com/giochi/theisland/THE_ISLAND_RULES_IT.pdf). Lo scopo del gioco è quello di portare in salvo il maggior numero di propri esploratori sulle porzioni di costa agli angoli della mappa. A inizio partita si posizionano casualmente gli esagoni terreno nella zona delimitata del tabellone e si mettono le pedine creatura marina nelle apposite caselle; poi, a turno, tutti i giocatori posizionano uno ad uno i propri omini sull’isola formata dagli esagoni terreno, facendo attenzione ai numeri stampati sotto di essi in quanto saranno i punti che si otterranno a fine partita se portati in salvo. Ogni turno si svolge seguendo queste azioni:

Giocare tessera terreno: si può giocare una tessera terreno precedentemente rimossa e si applicano gli effetti; non è possibile durante il primo turno di gioco.

Movimento: si hanno 3 punti movimento utilizzabili per muovere i propri esploratori o le barche. Gli esploratori possono essere caricati sulle barche per evitare i pericoli del mare aperto e per spostarsi più velocemente.

Rimuovere tessera terreno: si sceglie una tessera esagonale vicino ad una casella di mare e la si toglie dal tabellone. Se ci sono sopra esploratori finiscono in mare. La tessera viene conservata per poterne giocare gli effetti.

Tirare dado creatura marina: si tira il dado e si applicano gli effetti. Può far muovere le creature marine, gli squali o le balene, ognuna con le proprie caratteristiche

Creature marine = distruggono le barche e mangiano gli esploratori

Squali = mangiano gli esploratori solo se sono in acqua

Fonte: NerdPlanet

- Advertisement -spot_img

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Ultimi articoli