HomeCinemaIl governatore Phil Murphy visita Hollywood per promuovere i crediti d'imposta sulla...

Il governatore Phil Murphy visita Hollywood per promuovere i crediti d’imposta sulla produzione del New Jersey: ‘I nostri incentivi sono competitivi come quelli di qualsiasi altro Paese’

I più letti

Redazione
Redazionehttp://www.poplive.it
PopLive è un portale di informazione in cui vengono raccolte le principali notizie internazionali riguardanti la cultura Pop. Cinema, Serie TV, Videogiochi, Fumetti e Manga, Giochi da tavolo, Collezionismo, Eventi e tanto altro.

Governatore Phil Murphy ha fatto della TV e del cinema una priorità assoluta per il New Jersey fin dal suo insediamento nello Stato del Giardino nel 2018. Questa settimana, Murphy ha fatto un tour sulla West Coast per parlare di intelligenza artificiale con le aziende dell’area della Baia e per discutere di nuove opportunità commerciali con gli studi di Hollywood. La strategia mirata di Murphy ha contribuito a scatenare un vero e proprio boom edilizio in tutto il New Jersey per la costruzione di studi di registrazione e strutture di produzione. In questa sede, Murphy discute dell’impatto del programma di incentivi fiscali alla produzione dello Stato e del motivo per cui vede la Georgia come un concorrente più temibile rispetto alla vicina New York.

Popular su Variety

Eri appena tornato da un viaggio sulla West Coast per promuovere il New Jersey come polo in crescita nel settore dei media e dell’intrattenimento. Qual era il tuo obiettivo specifico e come sono stati accolti i tuoi discorsi?

Abbiamo fatto questo annualmente da quando siamo entrati in carica. Come governatore, film, televisione e digitale sono state una priorità fin dal primo giorno. E i colloqui [con Hollywood] sono solo migliorati. Abbiamo ottimizzato i nostri incentivi, ora tra i più competitivi al mondo. Abbiamo conosciuto personalmente gli attori coinvolti in molti anni, molti di loro stanno realizzando grandi progetti nel New Jersey. Tutto questo rende ciascuna delle nostre missioni successive sempre più di successo rispetto a prima, e anche questa non è stata un’eccezione.

Stavamo vendendo il New Jersey, facendo il punto con le persone che stanno già investendo e producendo serie televisive o film nel New Jersey. Siamo stati estremamente ben accolti. È evidente che gli incentivi sono tra i più competitivi al mondo, ma abbiamo anche i valori, che sono davvero importanti, che si tratti di libertà riproduttiva o di essere lo Stato numero uno per crescere una famiglia o sul clima, qualunque sia. Siamo uno Stato molto favorevole ai sindacati, compresi IATSE e Teamsters e SAG-AFTRA e gli sceneggiatori. C’è molto da apprezzare nel New Jersey.

Quali sono i tuoi punti di forza specifici per fare affari nel New Jersey rispetto a New York? Fai unicamente un argomento economico sul costo della vita nello Stato del Giardino rispetto a Manhattan?

Certo. I nostri incentivi di base sono del 35% più un extra del 2-4% per la diversità. E mentre abbiamo un limite di $500,000 per persona [sopra la linea], tutto ciò viene sbloccato e potenziato se costruisci uno studio o affitti uno spazio da qualcuno che abbia costruito studi nel New Jersey.

Penso che siamo molto più in competizione con la Georgia che con New York. In termini di grandi studi e grandi iniziative che stiamo perseguendo, la Georgia è al centro dell’attenzione quanto qualsiasi altro posto in questo momento. Sembrerebbe anche che il programma di incentivi in Georgia si sia politicizzato. E non è il caso nel New Jersey e non credo che diventerà così.

Ma i programmi di incentivi fiscali possono diventare controversi se gli elettori sentono che si tratti di regali a Hollywood. Sei sicuro che il New Jersey ottenga più di un dollaro per ogni dollaro che dedica ai crediti fiscali per l’attività di produzione?

Fonte: Variety

Incredibilmente fiducioso. Ti darò un paio di metriche. L’argomento matematico guarda solo da vicino cosa ha messo lo stato fuori rispetto a ciò che è tornato nei forzieri dello stato. E per me, quella è solo una parte dell’argomento. L’argomento vero è: per ciò che lo stato ha speso, a cosa ha portato in termini di attività economica nel New Jersey? Al momento, per ogni dollaro che investiamo per strada, otteniamo dai $6 agli $8 di ritorno in attività economica. Questo è il massimo e probabilmente aumenterà ulteriormente quando i grandi partner dello studio come Netflix saranno operativi [con palcoscenici dedicati]. Quindi si tratta di un impatto significativo che, tra l’altro, è sia immediato che ampio. E la cosa che adoro è che è locale. Sta aiutando il ristorante, la tintoria, l’hotel, il catering… L’altra metrica che ti darò è che l’anno prima che arrivassimo qui, l’attività economica totale nel settore cinematografico e televisivo [nello stato] riguardava principalmente video musicali e infomercial. Era intorno ai $65 milioni. Non sono ancora disponibili i numeri del 2023 ma pensiamo che siano intorno agli $800 milioni.

Netflix si trasferisce a Fort Monmouth per lo studio e Lionsgate sta contribuendo a sviluppare uno studio e un complesso commerciale a Newark. Ci sono altri progetti importanti di palcoscenici o infrastrutture di produzione in corso?

C’è Cinelease a Jersey City con tre palcoscenici. Sembra che stiano pianificando di espandersi a Kearny. C’è uno studio in fase di sviluppo a West Orange, di cui abbiamo incontrato i protagonisti, e c’è un grande progetto, di dominio pubblico, chiamato 1888 Studios, che si sta formando a Bayonne, New Jersey, proprio sul fiume Hudson di fronte a New York City. Quindi questi sono i progetti in corso ma abbiamo avuto conversazioni con altri di cui non si ha notizia pubblica. C’è ancora un grande interesse nel produrre contenuti e investire mattoni e malta. Quindi restate sintonizzati, come si suol dire.

Quali sono gli altri pilastri economici del New Jersey al momento? Quali sono i principali motori dell’economia del tuo stato?

Siamo un’economia dell’innovazione. Gli ancoraggi tradizionali sono farmaceutici, biotecnologie e scienze della vita, tecnologia e telecomunicazioni, e sempre di più, finanza tecnologica. Abbiamo avuto il middle e il back office di Wall Street per decenni. La tecnologia finanziaria è naturale per noi e faremo un grande annuncio a riguardo tra un paio di settimane. Il cannabis ad uso adulto è rilevante. Le scommesse sportive, che sono cugine della finanza tecnologica, sono importanti. E sempre più – cinema, televisione digitale. E siamo stati molto chiari nel fare una scommessa intenzionale e importante sull’intelligenza artificiale generativa.

Abbiamo annunciato una grande joint venture con l’Università di Princeton [a dicembre 2023].

Con tutte queste attività in corso, qual è la prossima frontiera per il New Jersey, nell’intrattenimento o in altri settori commerciali?

Fonte: Variety

Più dello stesso. Mi manca un anno e mezzo come governatore, voglio lasciare il tavolo predisposto nel migliore dei modi per le generazioni future. E penso che siamo sulla strada giusta per un sacco di cose davvero eccitanti. Quindi, ulteriore sviluppo dei progetti che ho menzionato, sviluppo di progetti che non sono ancora sul radar ma stiamo piantando semi. Continuando a produrre molto contenuto nel New Jersey. Ti darò un esempio: C’è un film chiamato “Miller by Marriage” che Ed Burns sta producendo, dirigendo, scrivendo e recitando nelle riprese a Morristown. Mia moglie è salita lì. Lei conosce la famiglia Burns da altre esperienze. Erano entusiasti – effusivi su come si sentono trattati [dagli ufficiali statali e locali durante le riprese]. Abbiamo appena assunto un nuovo direttore esecutivo per la nostra Commissione per il cinema e la televisione che potresti conoscere – Jon Crowley, un produttore e showrunner veterano. In alcuni stati, il commissario del cinema dice praticamente, ‘Ehi, benvenuto’ a qualunque sia lo stato e questo è tutto quello che vedete. L’impegno di Jon è fondamentalmente quello di fornire un servizio concierge di alto livello – scouting, affrontando eventuali problemi di autorizzazione, continuando a sviluppare il programma Film Ready NJ nelle comunità. Sbarrare la strada, per così dire.

Gov. Murphy, devo chiedere, ci sono state speculazioni sul tuo futuro politico. Hai l’ambizione di perseguire un altro incarico politico una volta terminato il tuo mandato di governatore?

Non ho nulla al momento. Ma, più importantemente, sono un ex attore, che è probabilmente parte del motivo per cui sono così coinvolto nel [potenziare la produzione nel New Jersey]. Non è solo positivo per l’economia e la creazione di posti di lavoro. Sono un grande appassionato delle arti. Ho recitato molto alle scuole medie, superiori e all’università. Quindi mi sento a casa in questa industria.

Quindi chiaramente il tuo prossimo obiettivo è il palcoscenico?

[

Risate

]. Non direi nemmeno quello. Non ho piani in questo momento. Se arrivo a qualcosa, mi assicurerò che

Varietà

lo sappia.

Fonte: Variety

Ultimi articoli