HomeVideogiochiAnthem Impressioni Post Vip Demo

Anthem Impressioni Post Vip Demo

I più letti

Questo articolo è stato archiviato. Ci scusiamo per eventuali inesattezze o elementi multimediali mancanti

Dopo il suo esordio sul palco della conferenza di Microsoft all’E3 2017, siamo qui a discutere del prossimo titolo BioWare in uscita il 22 febbraio: Anthem.

Abbiamo dedicato diverse ore lo scorso week-end in compagnia di Strali, interfacce meccaniche, armi futuristiche, pezzi tecnologici avanzati e jet. La demo VIP rilasciata da Electronic Arts, permetteva di vedere solo una piccolissima parte di quello che sarà il gioco completo presente sugli scaffali verso fine febbraio.

Premetto sin da subito che le impressioni che leggerete, sono riportate escludendo i problemi che hanno afflitto i server nei relativi giorni di prova. Anche se è stato molto fastidioso provare una demo nelle condizioni in cui erano i server di gioco, capiamo la quantità di lavoro e relativi problemi inaspettati che si possono verificare durante un lancio.

FORT TARSIS, UN HUB LEGNOSO

Una volta avviata la Demo, verremo catapultati subito su Fort Tarsis. L’hub principale in cui sicuramente, passeremo la maggior parte delle ore di gioco. Dobbiamo essere sinceri, l’abbiamo trovato molto, forse anche troppo legnoso rispetto a come eravamo stati abituati in Destiny ed altri giochi del genere.

Con una visuale in prima persona e senza la possibilità di velocizzare il passo, le sessioni sulla base sono risultate monotone, ripetitive e noiose. Scopriamo parlando con qualche pg, che la nostra missione è trovare un pezzo tecnologico per studiarne le proprietà. Una cosa che ci è piaciuta particolarmente, sono le possibili scelte da effettuare durante i dialoghi con i vari pg. A quanto dichiarato da Bioware, queste scelte, potranno influire sul corso della storia e sul comportamento che questi ultimi potranno avere nei nostri confronti.

Ci dirigiamo quindi verso il nostro Strale (nome affibbiato all’armatura che useremo quando andremo in missione o usciremo dalla base per qualsiasi motivo) e, una volta indossato, partiamo alla volta della nostra prima missione.

[Bioware ha comunicato che nella versione finale, nell’hub vi sarà la possibilità di correre ndr.]

STRALE IN SPALLA!

Durante le prime ore di gioco abbiamo provato il Guardiano. Uno Strale base ben bilanciato in attacco e difesa. Entrati in missione, la musica cambia completamente. Dalla legnosità e mediocrità dell’hub, passiamo ad un dinamismo ed una freneticità fantastici. Questo è il vero spirito di Anthem. La possibilità di volare in giro per la mappa ed effettuare salti ben oltre i limiti umani, è qualcosa di bellissimo e molto appagante. Il divertimento viene rimarcato maggiormente giocando con amici in party. Il gameplay risulta essere stratificato non solo nelle meccaniche ma anche nell’offerta ludica proposta. Le varie missioni che abbiamo affrontato ci sono sembrate ben strutturate e soprattutto, diversificate.

Anthem è spesso ingiustamente accostato alla creatura di Bungie: Destiny. Nulla di più sbagliato. La nuova opera di Bioware sarebbe da accostare al capolavoro sviluppato dai ragazzi di Digital Extremes: Warframe.

Difatti, in questa Demo abbiamo ritrovato le stesse meccaniche e caratteristiche del free-to-play co-op tanto discusso, con ovviamente tutte le migliorie del caso. Le similitudini sono molte e, con Anthem, avremo inoltre un’ambientazione ed una grafica da lasciare a bocca aperta. Un sistema di combattimento (una volta presa la mano) ben collaudato e divertente.

E TU, QUALE STRALE SEI?

Come detto poco sopra, abbiamo iniziato con il Guardiano base per poi, col progredire del livello, sbloccare Tempesta. Quest’ultimo Strale si prefigge lo scopo di essere uno Strale da supporto, con la capacità di rimanere a mezz’aria per un tempo maggiore rispetto alle controparti e padroneggiare tutti gli elementi.

È uno strale dall’incredibile potenziale offensivo, ma con un’armatura leggera: non certamente facile da pilotare ma, una volta presi la mano, sarà un compagno immancabile in qualsiasi team. La sua super abilità, risulta inoltre essere un concentrato puro di esplosioni, colori ed effetti particellari.

Non abbiamo avuto modo purtroppo di provare gli altri due Strali (Colosso e l’Intercettore), ma da quello che sappiamo, risultano comunque tutti perfettamente bilanciati e divertenti, ognuno con caratteristiche e super abilità uniche.

Gli Strali saranno completamente personalizzabili con Skin (droppabili in game o acquistabili tramite lo Store), colori, tipologia di metallo e struttura.

Discorso a parte merita il gioco libero. Si avrà infatti la possibilità di accedere liberamente alla mappa, fulcro delle attività di grinding e di recupero materiali che risulta essere sempre divertente e gratificante.

PUNTI ESPERIENZA E LOOT

Fonte: NerdPlanet

- Advertisement -spot_img

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Ultimi articoli