HomeSerie TVNews Serie TVIl Charity Film and TV del Regno Unito ospita tavoli rotondi della...

Il Charity Film and TV del Regno Unito ospita tavoli rotondi della comunità a seguito della guerra Israele-Hamas

I più letti

Redazione
Redazionehttp://www.poplive.it
PopLive è un portale di informazione in cui vengono raccolte le principali notizie internazionali riguardanti la cultura Pop. Cinema, Serie TV, Videogiochi, Fumetti e Manga, Giochi da tavolo, Collezionismo, Eventi e tanto altro.

Il Film and TV Charity del Regno Unito si è messo in contatto con i lavoratori dell’industria cinematografica, televisiva, musulmani, arabi ed ebrei a seguito degli attacchi del 7 ottobre in Israele e della successiva guerra contro Hamas.

Rappresentanti di tutti e tre i gruppi hanno partecipato a un totale di 10 tavoli rotondi indipendenti a cui hanno presenziato leader di emittenti televisive, case di produzione, dirigenti delle redazioni, responsabili dell’EDI e associazioni di settore. Hanno anche chiesto all’industria di affrontare l’antisemitismo, l’islamofobia e l’impatto degli eventi in Medio Oriente sulla salute mentale.

Il charity ha raccolto dati tramite un sondaggio, che ha mostrato che il 94% dei sondaggiati, tutti membri di origine ebraica, musulmana e araba dell’industria cinematografica del Regno Unito, ha riportato un impatto sulla propria salute mentale o sul proprio benessere psicologico ed emotivo dal 7 ottobre. Meno del 24% ha dichiarato di sentirsi supportato dai propri datori di lavoro.

Il sondaggio completo e l’analisi correlata saranno pubblicati più avanti questa primavera come parte di un rapporto provvisorio, in cui saranno esplorate alcune delle discussioni sollevate da tutte le parti.

“Le sessioni dei tavoli rotondi hanno dato ai rappresentanti della comunità ebraica nell’industria, e ai rappresentanti dei lavoratori dell’industria musulmana e araba, la possibilità di portare una conversazione vitale ai leader dell’industria,” ha dichiarato Marcus Ryder, CEO del Film and TV Charity.

“Hanno anche creato un’importante opportunità per un dialogo costruttivo tra le varie industrie e c’è stato un consenso generale sul fatto che sia necessaria una risposta collettiva alle questioni sollevate. Le sessioni sono state il primo passo in una conversazione critica, complessa e molto necessaria, e siamo molto grati a tutti coloro che hanno dedicato del tempo a partecipare.”

Source: Variety

Ultimi articoli