HomeCinemaSpcine di Sao Paulo crea legami con l'Africa

Spcine di Sao Paulo crea legami con l’Africa

I più letti

Redazione
Redazionehttp://www.poplive.it
PopLive è un portale di informazione in cui vengono raccolte le principali notizie internazionali riguardanti la cultura Pop. Cinema, Serie TV, Videogiochi, Fumetti e Manga, Giochi da tavolo, Collezionismo, Eventi e tanto altro.

Il potenziale del cinema africano rimane in gran parte inespresso

Con l’eccezione di Nollywood in Nigeria, che produce in media 2.500 film all’anno, secondo un rapporto dell’Unesco, il potenziale dell’Africa come potenza cinematografica rimane in gran parte inespresso nonostante grandi progressi nella produzione.

Brasile e Spcine: cambiare lo status quo

Spcine, l’ente cinematografico-televisivo della città di San Paolo, in Brasile, sta cercando di cambiare lo status quo. Dal momento del lancio della prima politica di incentivi internazionali per il cinema nel 2019, Spcine ha svolto un ruolo fondamentale nel promuovere l’industria audiovisiva brasiliana in tutto il mondo. Nel 2020, ha guidato una strategia per rafforzare i legami con il continente africano, in particolare nei mercati con il maggior potenziale di crescita, guidati da Nigeria e Sudafrica. Una mossa che ha senso, considerando che il Brasile ospita la più grande popolazione nera al di fuori dell’Africa e la terza più grande al mondo, con oltre 79 milioni di afro-discendenti.

Nel 2022, Spcine ha partecipato a importanti eventi audiovisivi in Africa, in particolare al Festival panafricano del cinema e della televisione (FESPACO) in Burkina Faso e in Nigeria, dove ha preso parte a incontri mirati e visite per stringere accordi commerciali e partnership strategiche con studi di distribuzione e produzione, istituti di formazione, scuole di cinema e direttori di festival.

Più recentemente, Spcine ha inviato una delegazione al Durban FilmMart in Sudafrica, che si è svolto dal 20 al 30 luglio 2023, e che mette in luce le basi dell’industria cinematografica africana.

È qui che Spcine ha formalizzato il suo impegno, firmando un accordo di coproduzione con il Sudafrica che prevede un investimento di $20.000 per progetto (circa 95.000 reais), che coprirà un supporto completo per quattro progetti, due guidati da produttori sudafricani e gli altri due da produttori con sede a San Paolo.

Il bando per i progetti dovrebbe essere pubblicato nel primo semestre del 2024, ha detto la presidente di Spcine, Viviane Ferreira, che ha evidenziato gli Incontri professionali audiovisivi: São Paulo – Sudafrica che hanno riunito creativi e dirigenti delle industrie di São Paulo e del Sudafrica online per presentare i loro progetti l’uno all’altro. “Sono stati quattro giorni di incontri con una sessione di matchmaking, e abbiamo realizzato un catalogo con tutti coloro che erano interessati a collaborare con São Paulo e viceversa”, ha detto.

Collaborazione tra Brasile e Africa

Secondo Spcine, diversi fattori chiave promuovono una maggiore cooperazione tra Brasile e Africa:

La Nigeria è l’unico altro Paese che vanta una popolazione nera superiore a quella del Brasile. Questa connessione, radicata nella diaspora africana, offre un terreno fertile per collaborazioni imprenditoriali e scambi culturali.

L’industria cinematografica e audiovisiva in Africa ha un notevole influsso, contribuendo stimativamente con 5 miliardi di dollari al PIL e sostenendo circa 5 milioni di posti di lavoro, secondo le stime dell’Unesco. Il futuro promette di generare 20 milioni di posti di lavoro e contribuire con 20 miliardi di dollari al PIL complessivo del continente.

Diverse testate giornalistiche indicano che entro la fine di questo secolo, ci saranno 442 milioni di parlanti di portoghese nel mondo. Attualmente, il Brasile è in testa con 215,8 milioni di parlanti, ma le proiezioni suggeriscono che la crescita della Lusofonia sarà guidata da nazioni come Angola e Mozambico. L’aumento previsto della popolazione in questi Paesi fa pensare che l’Africa potrebbe emergere come il primo mercato consumatore lusofono per i contenuti audiovisivi, superando persino il Brasile.

Le previsioni per la Nigeria indicano la sua ascesa come una potenza globale entro il 2100, trainata dall’espansione della sua popolazione in età lavorativa. Si prevede che questa crescita demografica favorirà una rapida crescita economica, portando il Paese dalla 23a posizione nella classifica del PIL mondiale del 2017 alla 9a posizione. Questa trasformazione, sia economica che demografica, offre opportunità strategiche per collaborazioni e investimenti nel settore audiovisivo tra Brasile e Nigeria.

I risultati degli incontri tra il Brasile e la Nigeria

Come diretta conseguenza della visita di Spcine a Lagos nel marzo 2023, è emerso un incontro tra San Paolo e Nigeria 2023, sostenuto da Brazilian Content e organizzato in partnership con The Production Collective of Nigeria, che ha favorito le partnership commerciali tra Brasile e Nigeria. Durante un incontro virtuale sono state discusse le coproduzioni, la licenza di contenuti originali e la fornitura di servizi di produzione.

Spcine ha inoltre partecipato all’African International Film Festival (AFRIFF) dal 5 al 10 novembre, prendendo parte a due tavole rotonde – Opportunità di collaborazione cinematografica internazionale con i registi nigeriani e Spcine in Conversations with Nollywood – e sostenendo un evento di networking e sessioni di appuntamenti al buio tra Brasile e Nigeria, durante le quali i produttori nigeriani hanno presentato i loro progetti.

Foto: Hollywood Brazilian Film Festival
Cortesia di Spcine

Fonte: Variety

Ultimi articoli