HomeCinemaIl Festival del Cinema di Berlino presenta denuncia penale dopo il pirataggio...

Il Festival del Cinema di Berlino presenta denuncia penale dopo il pirataggio antisemita, critica le dichiarazioni dei vincitori

I più letti

Redazione
Redazionehttp://www.poplive.it
PopLive è un portale di informazione in cui vengono raccolte le principali notizie internazionali riguardanti la cultura Pop. Cinema, Serie TV, Videogiochi, Fumetti e Manga, Giochi da tavolo, Collezionismo, Eventi e tanto altro.

Berlinale querela dopo il furto di identità antisemita

Il Festival del Cinema di Berlino ha dichiarato lunedì di aver presentato denuncia penale a seguito dell’hacking dell’account Instagram della sezione Panorama, utilizzato per pubblicare messaggi antisemiti.

Distacco dalle posizioni dei vincitori del premio

Dopo un’edizione politicamente agitata, gli organizzatori del festival hanno cercato di prendere le distanze dalle posizioni adottate da alcuni dei vincitori dei premi durante la cerimonia di chiusura.

Il canale Instagram della sezione Panorama del Berlinale è stato brevemente hackerato e sono stati pubblicati post con immagini e testi antisemiti sulla guerra in Medio Oriente con il logo del Berlinale. Queste dichiarazioni non provengono dal festival e non rappresentano la posizione del festival.

Gli organizzatori hanno aggiunto: “Il Berlinale condanna questo atto criminale nei termini più energici possibili, ha cancellato i post e ha avviato un’indagine. Inoltre, il Berlinale ha presentato denuncia penale contro persone sconosciute. L’Ufficio di Polizia Criminale dello Stato (LKA) ha avviato un’indagine. Prima e durante l’edizione di quest’anno, gli ospiti e le politiche del festival sono stati motivo di accese discussioni sulla guerra in Ucraina, sulla guerra in Palestina, sull’antisemitismo e sui movimenti politici di estrema destra in Germania.”

La dichiarazione del lunedì del festival sembrava voler far passare la polemica, ammettendo anche che non poteva fare nulla riguardo ai commenti che sono legali.

Il festival si considera un luogo di dialogo aperto tra culture e paesi, pertanto deve tollerare opinioni e dichiarazioni che contrastano con le proprie, purché non siano discriminatorie o oltre i limiti legali.

Rissenbeek, co-direttore del festival, ha espresso che sarebbe stato appropriato se i vincitori dei premi e gli ospiti durante la cerimonia avessero espresso opinioni più differenziate su questo problema.

Il festival si impegna a discutere con altre istituzioni sociali e politiche su come condurre un dibattito sociale su questo argomento estremamente controverso in Germania, con l’inclusione di prospettive internazionali.

Dobbiamo affrontare questo argomento controverso come festival internazionale e come società nel suo complesso.

Fonte: Variety

Ultimi articoli